I “BISCOTTI DEGLI EREMITI”, I BISCOTTI DELIZIOSI DEL NATALE MEDIEVALE!

Questa è proprio una ricetta da salvare, e non per modo di dire! Più Natale di così, non si può… Adesso vi dico perché. Questo biscotto morbido e speziato era spesso l’ultima cosa che il fornaio di secoli fa preparava con le guarnizioni rimanenti sulla sua tavola. Era fatto con frutta tritata, uvetta, noci e condito con cannella, chiodi di garofano e altre spezie; addolcito con melassa o zucchero di canna e solitamente tagliato in quadrati o barrette. Alcuni dicono che le spezie diventano più distinte con l’età, rendendo i biscotti più gustosi… perché si sono nascoste come eremiti per diversi giorni. Il nome, dunque, potrebbe derivare da questa abitudine. Si conservano, inoltre, anche più a lungo della maggior parte dei biscotti e, siccome durano molto tempo, forse erano pure il dolce preferito per i vagabondi solitari, oltre, appunto, agli eremiti.
Molto probabilmente l’antica ricetta dei biscotti eremiti risale agli eremi religiosi del XII o XIII secolo, dove questi ingredienti base sarebbero stati di uso comune sulle tavole dei fornai. I termini per quei confini – “hermite” dal francese antico o “heremita”, dal latino medievale – potrebbero essere stati assegnati a questo trattamento dai residenti. Questa versione, tratta da una ricetta di Dorie Greenspan, li presenta speziati con cannella, zenzero, noce moscata, pepe nero appena macinato e sale marino. Potete, se volete, includere altre spezie o frutta candita.

Per i biscotti
272 grammi di farina 00
¾ cucchiaino di bicarbonato di sodio
½ cucchiaino di sale marino fino
¼ di cucchiaino di lievito in polvere
1½ cucchiaino di cannella in polvere
1½ cucchiaino di zenzero macinato
½ cucchiaino di noce moscata grattugiata fresca
¼ di cucchiaino di pepe nero appena macinato
113 grammi di burro non salato, a temperatura ambiente
200 grammi di zucchero di canna
60 ml di melassa (va bene anche il miele)
1 uovo grande, a temperatura ambiente
80 grammi di uvetta

Per la glassa
120 grammi di zucchero a velo, setacciato
Circa 2 cucchiai di latte, acqua, succo di limone, brandy o rum

Per preparare i biscotti: mescolare insieme la farina, il bicarbonato di sodio, il sale, il lievito e le spezie.
Lavorando nella ciotola di una planetaria dotata di attacco a paletta, o in una ciotola capiente con un frullatore a immersione, montare insieme il burro e lo zucchero di canna a velocità media fino a ottenere una crema, circa 3 minuti. Incorporare la melassa (o il miele) e poi l’uovo e mescolare per qualche altro minuto, raschiando la ciotola e le fruste secondo necessità. L’impasto risulterà leggero e soffice, con un colore simile al burro di arachidi montato.
Con il mixer o la planetaria spenti aggiungere la farina tutta in una volta e mescolare gli ingredienti secchi con cautela. Quando il rischio di far volare la farina è passato, accendere il mixer o la planetaria e mescolare solo fino a quando gli ingredienti sono quasi incorporati. Aggiungere l’uvetta e continuare a mescolare fino a quando non ci sono tracce di farina. Raccogliere l’impasto, avvolgerlo e metterlo in frigorifero per almeno 30 minuti. (L’impasto può essere refrigerato durante la notte.)
Quando si è pronti per infornare, preriscaldare il forno a 180 gradi C. Rivestire una teglia con carta da forno.
Dividere l’impasto a metà. Posizionare un pezzo da 5-7 cm circa di diametro nel lato lungo della teglia e formare un tronco lungo circa 25-27 cm. Ripetere la stessa operazione con il secondo pezzo di impasto, distanziando i due tronchi. Appiattire un po’ l’impasto con le mani.
Cuocere per 23-26 minuti o fino a quando i bordi non si sentono appena sodi al tatto; la parte superiore sarà ancora morbida e i tronchetti si saranno un po’ crepati. Trasferire la teglia su una griglia e lasciare riposare i tronchetti per circa 15 minuti mentre prepari la glassa.
Per preparare la glassa: mettere lo zucchero a velo in una ciotola media e versare 1 cucchiaio e mezzo di latte (o qualsiasi altro liquido si sia scelto). Usare un cucchiaio per mescolare il latte con lo zucchero. Aggiungere più latte se necessario (si potrebbe aver bisogno di più di 2 cucchiai) fino a ottenere una glassa opaca che cade facilmente dalla punta del cucchiaio.
Per glassare e affettare i biscotti: cospargere la glassa sui ceppi ancora caldi con grande creatività. Tagliare i tronchetti biscottati come si vuole.
Si conservano a lungo, come ho scritto prima. Se diventeranno, col tempo, un po’ più secchi e meno gommosi, andranno benissimo inzuppati nel caffè, nel tè, oppure ancora nel latte freddo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.