Porridge al forno con pere, mandorle e sciroppo di datteri, GLUTEN FREE OVEN PORRIDGE per il Club del 27

Buongiorno!

Qualcosa di salutare dopo il caffè delle 7 bevi-e-fuggi al lavoro? volete fingere di essere inglese? Nostalgia delle colazioni anglosassoni e scandinave? Ecco questo è il porridge che fa per voi. Un porridge al forno. Certo, invece dei 5-7 minutini, ai fornelli, qua ci si mette più tempo. Ma tutto ciò è talmente chic e anticonvenzionali che fate bene a regalarvi uno di questi momenti pigri. E ti leggi i giornali con calma e in attesa…

Ingredienti:

160 g di fiocchi di avena grandi (“jumbo oats”)

1,2 litri di latte d’avena

75 g di semi misti (ho usato semi di girasole e dei semi di zucca)

2 cucchiaini di pasta di vaniglia

1 cucchiaino di cannella in polvere

3 pere mature, ma ancora consistenti, sbucciate e tagliate a dadini

80 g di bacche secche miste (uva sultanina, bacche di goji, cranberries, ecc.)

Per servire

2 cucchiai di mandorle tostate in scaglie

4-5 cucchiai di sciroppo di datteri(ho usato sciroppo d’acero)

altro latte d’avena

per 4-6 persone

Metodo:

Preriscaldare il forno a 170 ̊C. Mescolare insieme l’avena con il latte d’avena. Incorporare i semi misti, la vaniglia in pasta, la cannella in polvere, le pere a dadini e le bacche secche che si sono scelte. Versare il tutto in una teglia, coprire con stagnola e infornare per 30 minuti. Rimuovere dal forno e versare in delle ciotoline. Spargere le mandorle tostate e spennellare con lo sciroppo di datteri (d’acero, nel mio caso) e altro latte d’avena a piacere. Servire subito.

Note:

Veramente facile, però, come già notato, non rapido. Se avete fame appena sveglio, forse questo porridge non fa per voi. Il risultato è umido e compatto allo stesso tempo. L’avena s’ingrossa nel latte e le bacche secche, soprattutto quelle di goji, fanno capolino con punte vermiglie molto allegre. D’altronde l’occhio vuole pure la sua parte.

Fatelo. È vegano, alla moda, buono, delicato e con pochissimo zucchero. Ma non è assolutamente per 4-6 persone, come scritto nella ricetta originale. Se avete 12 persone, cioè un battaglione dell’esercito a casa vostra per colazione, le sfamate ugualmente.

Con questa ricetta partecipo al Club del 27 del mese di Gennaio, “Tutto in teglia” con la tessera n. 85.

3 thoughts

  1. Non ho mai mangiato il porridge e mi hai incuriosito… Tra l’altro ho appena preso la macchina del pane che ha questa funzione, devo assolutamente farlo!

Rispondi a Biagio D'Angelo Annulla risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.